Il Mattino 12/03/2005

logo-mattino
12/03/2005
PRESENTATA DA ULISSE 2000 E FIRMATA DA INGEGNO E ACAMPORA

Unica, è tutta napoletana la barca supertecnologica
Le barche sono diventate un po’ come le auto: si assomigliano tutte. In alcuni casi, come per certi open di stazza media (diciamo attorno ai 40 piedi) le somiglianze sono addirittura imbarazzanti. La differenza - si sforzano di dire progettisti e designers - sta nella qualità del prodotto: i materiali e il loro assemblaggio distinguono una barca dall’altra. Discorso di comodo in certi casi, assolutamente credibile in altri. Ciò premesso, al Nauticsud vedremo una imbarcazione tutta napoletana che ricorda tremendamente, come tante altre, i lussuosi motoscafi d’altura americani degli anni 70/80. Si chiama Unica, misura 42 piedi (13,31 metri) e naviga, con due motori da 500 cv, a quasi 40 nodi (ma può arrivare a punte di 50 con motorizzazioni superiori e trasmissioni speciali flexidrive).
L’ha realizzata il cantiere Ulisse 2000, di cui è titolare Gennaro Ingegno, appassionato imprenditore napoletano affiancato dalla Victory Design di Brunello Acampora, altro nome celebre tra i napoletani del settore. Ebbene, il segno distintivo di questa imbarcazione sta tutto nelle tecnologie avanzate e nei materiali compositi, cui si sommerà entro giugno una motorizzazione inedita, costituita dai rivoluzionari Volvo Penta JPS 500, che assicurano velocità di crociera di 32/33 nodi, consumi ridotti del 25-30%, autonomia di circa 400 miglia e maggiore silenziosità di funzionamento. Quanto basta per rendere questa barca davvero «Unica», come il cantiere l’ha battezzata. Lo scafo e la coperta sono realizzati in composito, utilizzando tessuto di kevlar e vetro impregnato con resina vilinestere antiosmosi. La stratificazione è eseguita a sandwich di Airex ad alta densità incollato sotto vuoto. «Tali lavorazioni - spiega Gennaro
Ingegno - sono quanto di più evoluto esista in fatto di tecnologia dei materiali e mano d’opera specializzata, e il risultato è una barca più leggera della media delle concorrenti, con ottima tenuta di mare e minori consumi di carburante». Quanto all’abitabilità, Unica 42 presenta due cabine doppie con 4 posti letto (più due) e un bagno. Il prezzo? «Faremo di tutto per non discostarci dalla concorrenza - dice Ingegno - ma è chiaro che a una barca ”unica” come la nostra, costruita artigianalmente con materiali e tecnolgie avanzate, va riconosciuto un valore particolare».

Se.Tr.